Integratori alimentari: Cosa c’è da sapere

integratori alimentari in primo piano

Molti adulti e bambini negli Stati Uniti prendono una o più vitamine o altri integratori alimentari. Oltre alle vitamine, gli integratori alimentari possono contenere minerali, erbe o altri elementi botanici, aminoacidi, enzimi e molti altri ingredienti. Gli integratori alimentari sono disponibili in una varietà di forme, tra cui compresse, capsule, caramelle e polveri, così come bevande e barrette energetiche. Gli integratori più popolari includono vitamine D e B12; minerali come calcio e ferro; erbe come echinacea e aglio; e prodotti come glucosamina e probiotici.

L’etichetta degli integratori alimentari

I prodotti venduti come integratori alimentari sono dotati di un’etichetta dei fatti del supplemento che elenca gli ingredienti attivi, la quantità per porzione (dose), così come altri ingredienti, come riempitivi, leganti e aromi. Il produttore suggerisce la dimensione della porzione, ma il tuo operatore sanitario potrebbe decidere che una quantità diversa è più appropriata per te.

Efficacia


Alcuni integratori alimentari possono aiutare a ottenere quantità adeguate di nutrienti essenziali se non si mangia una buona varietà di alimenti. Tuttavia, gli integratori non possono prendere il posto della varietà di alimenti che sono importanti per una dieta sana.

Alcuni integratori alimentari possono migliorare la salute generale e aiutare a gestire alcune condizioni di salute. Per esempio:

Il calcio e la vitamina D aiutano a mantenere le ossa forti e a ridurre la perdita ossea.
L’acido folico diminuisce il rischio di alcuni difetti di nascita.
Gli acidi grassi Omega-3 dagli oli di pesce possono aiutare alcune persone con malattie cardiache.
Una combinazione di vitamine C ed E, zinco, rame, luteina e zeaxantina (nota come AREDS) può rallentare l’ulteriore perdita della vista nelle persone con degenerazione maculare legata all’età (AMD).

Sicurezza e rischio


Molti integratori contengono ingredienti attivi che possono avere forti effetti nel corpo. Siate sempre attenti alla possibilità di una brutta reazione, specialmente quando prendete un nuovo prodotto.

È più probabile che tu abbia effetti collaterali dagli integratori alimentari se li prendi ad alte dosi o al posto di medicinali prescritti, o se prendi molti integratori diversi. Alcuni integratori possono aumentare il rischio di sanguinamento o, se presi prima di un intervento chirurgico, possono cambiare la tua risposta all’anestesia. Gli integratori possono anche interagire con alcune medicine in modi che potrebbero causare problemi.

Ecco alcuni esempi:
Gli integratori antiossidanti, come le vitamine C ed E, potrebbero ridurre l’efficacia di alcuni tipi di chemioterapia del cancro.
I produttori possono aggiungere vitamine, minerali e altri ingredienti di integratori agli alimenti che mangi, specialmente ai cereali per la colazione e alle bevande. Come risultato, si può ottenere più di questi ingredienti di quanto si pensi, e più potrebbe non essere meglio. Assumere più del necessario costa di più e potrebbe anche aumentare il rischio di effetti collaterali. Per esempio, troppa vitamina A può causare mal di testa e danni al fegato, ridurre la forza delle ossa e causare difetti alla nascita. Il ferro in eccesso causa nausea e vomito e può danneggiare il fegato e altri organi.

Sii cauto nell’assumere integratori alimentari se sei incinta o stai allattando. Inoltre, fate attenzione a dare integratori a un bambino, a meno che non sia raccomandato dal suo fornitore di assistenza sanitaria. Molti integratori non sono stati ben testati per la sicurezza nelle donne incinte, nelle madri che allattano o nei bambini.

Contenuto liberamente ispirato a https://ods.od.nih.gov/factsheets/WYNTK-Consumer/

Articoli correlati